I nuovi uffici di Insubriass sono allocati in Villa Dandolo, nell’antico refettorio del Convento dei Frati Minori Osservanti, detto dell’Annunciata, edificato a partire dal 1468. Il convento venne acquistato nel 1810 dal conte Vincenzo Dandolo che trasformò profondamente l’edificio nella sua villa privata, abbattendo ambienti e ricoprendo i muri.

Durante i recenti lavori di ristrutturazione e restauro del complesso immobiliare di via Medaglie D’Oro, in seguito agli studi storici e alle ricerche stratigrafiche richieste dalla Sovrintendenza, è stato riscoperto e restaurato l’affresco che Pietro Antonio Magatti, su commissione dei frati minori, eseguì nel 1725.

L’affresco, che raffigura l’ultima cena, occupa la parete di fondo della sala principale dei nostri uffici.

Merita infine di essere annotato il breve soggiorno di Giacomo Leopardi in Villa Dandolo , nel 1825. Ne lascia traccia il grande scrittore nel suo epistolario:

“…Sono invitato a Varese dal Conte Dandolo, figlio del Senatore, signorino che non mi piace niente. Varese è la Versailles di Milano, distante di qua 30 miglia. Forse sarò costretto ad andarci per qualche giorno…”

ARTICOLI

Quel rudere è un convento del '500

La storia della mitica Villa Dandolo e della misteriosa scritta sul muro

L'affresco ritrovato a Villa Dandolo

Varese, scoperto affresco del Magatti

Ultima cena del magatti ritrovata a Villa Dandolo

L'ultima cena del Magatti

Biografia Magatti

GALLERIA FOTOGRAFICA